1. Home
  2. Docs
  3. Manuali Tecnici Hardware
  4. Novità Fiscali
  5. Cashback di Stato

Cashback di Stato

Il cashback di Stato è un incentivo introdotto in via sperimentale per il mese di dicembre 2020 (Cashback di Natale) dal governo Italiano; si tratta di un sistema che consente di ricevere un rimborso pari al 10% della spesa effettuata per acquisti pagati in forma elettronica: con carte, bancomat e app.

Il rimborso potrà essere al massimo di 150 euro, sia per questo primo periodo dall’8 al 31 dicembre 2020, sia successivamente, per quello semestrale che partirà da gennaio 2021. Per accedere al cashback e ricevere i rimborsi è necessario avere lo Spid o la Carta d’identità elettronica (Cie) e bisogna, inoltre, utilizzare l’app Io.

Il meccanismo del cashback rientra nel piano Italia cashless ( www.cashlessitalia.it ) con cui il governo punta a ridurre l’uso dei contanti. Il cashback prevede un rimborso del 10% per gli acquisti effettuati con carte e app: la cifra può arrivare fino a 300 euro l’anno, ovvero 150 euro per semestre. Ma solamente nel caso in cui vengano effettuati almeno 50 pagamenti elettronici nei sei mesi di riferimento. Per il cashback di Natale, valido dall’8 al 31 dicembre, basteranno invece 10 acquisti. Il rimborso massimo è sempre di 150 euro, anche se solamente per un mese. Da gennaio arriverà anche il super-cashback, con premi semestrali da 1.500 euro per i 100mila maggiori utilizzatori del cashback, quindi coloro che effettuano più transazioni con carte e app.

Possono aderire al cashback tutti i cittadini maggiorenni e residenti in Italia. Nel caso in cui ci siano più persone in famiglia, ogni componente partecipa singolarmente ai rimborsi. Per aderire servono lo Spid o la Cie. Se non si ha lo Spid è possibile chiederlo gratuitamente attraverso uno dei provider contenuti nella lista presente sul sito spid.gov.it. Per la Carta d’identità elettronica ci si deve invece rivolgere al proprio comune di residenza. Chi vuole partecipare deve anche scaricare l’app Io, su cui iscriversi registrando le carte e le app utilizzate per i pagamenti e attivare gli account delle app. Inoltre su Io si deve inserire il codice Iban sul quale ricevere i rimborsi.

Cosa cambia in area51?

L’uso di un gestionale per registrare le vendite NON inficia la partecipazione al rimborso, quindi non è necessario eseguire alcuna configurazione.

Per maggiori informazioni, visita il sito www.cashlessitalia.it