1. Home
  2. Docs
  3. Fatturazione Elettronica
  4. Errori comuni

Errori comuni

The ‘NumeroCivico’ element is invalid

Attenzione alla formattazione dell’indirizzo del cliente: la frazione va indicata prima del numero civico, e non in fondo. Il primo esempio genererà un errore; modificare l’indirizzo e rifare l’estrazione o l’invio.

The element ‘DettaglioLinee’  has invalid child element ‘Quantita’. List of possible…”

E’ abbastanza comune che in compilazione fattura all’utente sfuggano delle righe vuote. Purtroppo queste causano l’errore molto comune “The element ‘DettaglioLinee’  has invalid child element ‘Quantita’. List of possible…”  in quanto lo SDI non accetta fatture contenenti righe nulle. Bisogna controllare ed eliminare le linee incriminate.

 

Imposta / Imponibile totale non calcolato secondo le regole definite nelle specifiche tecniche (00421/00422)

Se l’errore durante l’invio della fattura elettronica è 00421 o 00422 bisogna prima di tutto assicurarsi di utilizzare l’ultima versione disponibile di Area51.
In secondo luogo ci sono più modi di operare. Il primo consiste nel controllare che non sia utilizzato il flag ARROTONDAMENTO IVATO – ARI (se non strettamente necessario, quindi per fatture che arrivano dalla gestione banco). Nel caso di fattura con SPLIT PAYMENT è inconciliabile.
Una volta tolto il flag il totale della fattura si ricalcolerà in maniera fiscalmente corretta (quindi partendo dall’imponibile e calcolando l’iva).
Se però il totale della fattura risulti difforme da quello concordato con il cliente è possibile andare a correggere il totale della fattura, Area51 andrà a ricalcolare imponibile e IVA distribuendo la differenza (che solitamente è di pochi centesimi) nei prodotti della fattura tramite i meccanismi di SCONTO/MAGGIORAZIONE prevista dalla fatturazione elettronica (campo 2.2.1.10 ScontoMaggiorazione)

Per correggere il totale della fattura basta cliccare sul pulsante RIEPILOGHI IVA > MODIFICA > SELEZIONARE BLOCCATO  e scrivere il nuovo valore

nell’esempio il totale concordato è 15 euro mentre il totale calcolato fiscalmente (derivante da imponibile scontato + IVA) è 14.99. Volendo forzare i 15 euro basta cliccare su BLOC e scrivere su TOTALE MODIFICATO 15. Una volta registrata la fattura il totale sarà 15.

 

Impossibile proseguire, DARE e AVERE non hanno lo stesso valore

Se durante la registrazione contabile compare questo messaggio è necessario un aggiornamento di versione all’ultima disponibile.

 

Notifica di scarto IdCodice (00305)

Capita spesso che una fattura venga scartata per IdCodice non valido. Solitamente succede quando si compila il CF e la P.IVA con gli stessi valori ma il cliente non ha Codice Fiscale e Partita IVA uguali.

Notifica di scarto 1.4.1.1 e 1.4.1.2 non coerenti (00324)

Da luglio 2019 l’Agenzia delle Entrate ha introdotto ulteriori controlli per quanto riguarda la validazione di partita iva e codice fiscale. L’errore più comune è il numero 00324 1.4.1.1 e 1.4.1.2 non coerenti. Tale errore, nella maggior parte dei casi, è derivato da un errore su partita iva o codice fiscale.

Il consiglio è quello di verificare la correttezza di codice fiscale e partita iva tramite i servizi messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

Servizi di verifica Agenzia delle Entrate

Per verificare la correttezza del codice fiscale e della partita iva si possono utilizzare i seguenti servizi dell’agenzia delle entrate

VERIFICA CF

https://telematici.agenziaentrate.gov.it/VerificaCF/Scegli.do?parameter=verificaCf

VERIFICA P.IVA

https://telematici.agenziaentrate.gov.it/VerificaPIVA/Scegli.do?parameter=verificaPiva

Notifica di scarto 1.4.4.1.1

Questo errore avviene quando la nazione estera inserita presenta una sigla nazione errata. Verificare da Archivi > Tabelle Comuni > Nazioni che sia il codice primario che la sigla siano corretti.

Una lista aggiornata si può trovare su Wikipedia a questo indirizzo: https://it.wikipedia.org/wiki/ISO_3166-1_alpha-2#Lista_dei_codici_riservati

Powershell Error

In caso di Powershell Error bisogna tipicamente controllare 3 cose.

1) Che i servizi di stato siano online visitando il sito https://status.namirial.com/

2) Che internet explorer all’apertura non chieda, come in immagine, di configurare le impostazioni di sicurezza. In quel caso, selezionare “usa impostazioni di sicurezza e compatibilità consigliate” e dare ok.

3) Controllare gli antivirus:
– Che non ci siano antivirus scaduti, nel caso rimuoverli.
– Che l’antivirus abbia le esclusioni su tutte le cartelle e i processi del gestionale.
– Tentare un invio con antivirus disattivato.