1. Home
  2. Docs
  3. Area51
  4. Documenti
  5. Struttura documenti

Struttura documenti

La scheda Struttura documenti contiene tutte le configurazioni relative alla formattazione dei documenti: appartenenza, numerazioni, causali, fatturazione, opzioni di stampa e altro.

Si accede da Archivi > Tabelle Comuni > Struttura Documenti

tabStruttura

Solitamente – a meno di non dover gestire dei documenti particolari – la struttura standard copre tutte le esigenze; di seguito riportiamo alcune specifiche particolari:

NUMERAZ. > serve per gestire dei diversi sezionali di numerazione dei doc: ricreando la stessa struttura, ad esempio fattura immediata, e andando a definire il sezionale di numerazione BB (anzichè AA), tale documento seguirà una propria numerazione.

PREF & SUFF > serve per inserire un etichetta di testo come prefisso o suffisso che comparirà in fase di stampa prima o dopo il numero; ad esempio, per inserire ” B ” come suffisso impostare così (senza la barra).

doc suffissi

OGGETTO > Le tipologie indicate sono molteplici e si riferiscono a classi di documenti diversi, con i relativi attributi. Stante la variabilità dei casi, vi consigliamo di contattare l’assistenza tecnica per maggiori informazioni.

Stampa prezzi

I documenti standard contengono le colonne necessarie alla visualizzazione dei prezzi, unitari o totali, imponibili o ivati. queste impostazioni di stampa si ottengono dalla scheda, apponendo o togliendo i relativi flag, per il dettaglio dei quali vi invito a consultare la scheda.

Per i documenti della classe DDT è possibile definire la stampa dei prezzi a livello di singola copia: per esempio, è possibile impostare la stampa dei prezzi sulla copia destinatario, ma non sulla copia destinata al vettore.

Queste impostazioni si ottengono da Struttura documento > Funzioni > Opzioni pagine stampa copia documento.

CREAZIONE NUOVI TIPI DOCUMENTO

E’ possibile creare delle strutture documento personalizzate, semplicemente cliccando Nuovo: a questo punto va indicato il nome del nuovo tipo documento, l’appartenenza, il sezionale di numerazione e se necessari anche i campi causale e fatturazione. Una volta eseguito ciò, tramite il tasto Struttura si può accedere ad ulteriori parametri (tra cui predefinizione quantità, iva, e impostazioni di stampa).

E’ possibile ottemperare al D.L. 11 dicembre 2012 n. 216, che recepisce la direttiva 2010/45/UE, dove è prevista l’introduzione di un suffisso o prefisso nella numerazione delle fatture – anche in modo retroattivo.

E’ possibile gestire questi parametri dalla struttura documento che si apre facendo doppio clic sul tipo documento:

STRUTTURADOC